Microsoft: hacker russi favoriscono gli attacchi in Ucraina

 (Foto di copertina AP/Andy Wong, File)

Il 27 aprile, Microsoft ha pubblicato un rapporto dove descrive in dettaglio gli incessanti e distruttivi attacchi hacker informatici russi contro l’Ucraina. Questi attacchi sarebbero stati effettuati in un totale di 237, tra il 23 febbraio e l’8 aprile.  Gli scopi erano di interrompere l’accesso delle persone a informazioni affidabili, servizi vitali, compiere ampie attività di spionaggio, degradare i sistemi delle istituzioni in Ucraina, tentare di scuotere la fiducia nella leadership del paese, raccogliere informazioni, diffondere disinformazione e, in modo limitato, anche svolgere attività di spionaggio contro gli Stati membri della NATO.

 Gli hacker russi avrebbero anche guidato centinaia di attacchi mirati, alcuni cronometrati in coincidenza con attacchi missilistici o di terra, gettando le basi per diverse missioni militari nel territorio ucraino.

Microsoft ha osservato che quasi 40 attacchi, rivolti a centinaia di sistemi, sono stati particolarmente preoccupanti: il 32% degli attacchi ha preso di mira direttamente le organizzazioni del governo ucraino a livello nazionale, regionale e cittadino. Oltre il 40% degli attacchi è stato rivolto a organizzazioni nei settori delle infrastrutture critiche, con effetti negativi sull’esercito, sull’economia e sui civili ucraini.

Impegno di Microsoft

I team di sicurezza Microsoft hanno lavorato a stretto contatto con i funzionari del governo e con il personale della sicurezza informatica del governo ucraino, presso organizzazioni governative e imprese private, per identificare ed eliminare le attività di minaccia contro le reti ucraine. 

Conseguenze per gli alleati

Microsoft conclude dicendo che gli hacker russi potrebbero essere incaricati di espandere le loro azioni distruttive al di fuori dell’Ucraina, per vendicarsi contro quei paesi che decidono di fornire maggiore assistenza militare all’Ucraina e adottare misure più punitive contro il governo russo.

Fonte: Rapporto da Microsoft, Tom Burt vicepresidente aziendale, Sicurezza e fiducia clienti e Rai New

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: